Google I/O 2013: Chrome Developer Tools sempre più potenti

Novità per i Developer Tools di Google Chrome

Chrome Developer ToolsDeveloper Tools di Google Chrome, per chi come me sviluppa anche in ambito Web, sono senza dubbio strumenti irrinunciabili per lo sviluppo client-side WebKit. Durante il Google I/O 2013, il master event per sviluppatori che l’azienda di Mountain View organizza ogni anno, sono state svelate numerose novità interessanti.

Con il crescere della complessità delle Web Applications, si rendono necessari strumenti per gli sviluppatori sempre più evoluti e potenti. E lo sanno bene in Google, visto che dedicano tanto tempo al miglioramento dei propri Developer Tools. Ora che la release 28 del browser è disponibile nello stable channel, queste novità sono accessibili a tutti.

Tra le più interessanti vi sono innanzitutto i Workspaces, un sistema per mappare sul disco le risorse presenti in un web server locale, al fine di poter modificare e salvare tali risorse direttamente dai Developer Tools. Una vera chicca per i WebDevs!

Miglioramenti sono stati apportati anche alle sezioni dei tool che riguardano il Profiling e il controllo delle performance, che consentono di misurare come una Web App utilizza le risorse durante il suo funzionamento (CPU, RAM, Network, …). E’ stato aggiunto il Flame Chart, un grafico intuitivo che può mostrare numerosi valori chiave della funzione in esecuzione.

E’ stata poi resa più semplice la procedura per il remote debugging di pagine su Chrome per Android, così com’è stata aggiunta una funzione sperimentale per il live editing di file SASS (.scss).

Insomma, tante gustose novità! Html5Rocks ha pubblicato un articolo che spiega dettagliatamente come utilizzare le varie nuove funzionalità implementate nei Developer Tools.

E’ doveroso dire che alcune di queste novità sono in fase sperimentale, dunque potrebbero non funzionare al 100% in questa release. Conosciamo bene i tempi di update di Google, quindi possiamo stare tranquilli.

Segue il video in cui potete rivedere la relativa presentazione fatta al Google I/O 2013.

1 commento

  1. Pingback: upnews.it

Rispondi